Lombardia 1
Regioni Vinicole

Lombardia

La Lombardia ha un terriotrio variegato occupato principalmente dalla pianura (47%), e 41% da montagna

Clima

La Lombardia è una regione del nord Italia dal clima contentale, ma con numerosi laghi di grandi dimensioni che ne mitigano le temperature.

Vitigni, e vini

Rossi e rosati a base croatina e barbera rappresentano la maggioranza poco superiore al 50% e la maggior parte di questa produzione viene dall’ Oltrepò Pavese.

I vitigni rossi più coltivati sono croatina e pinot nero sia in franciacorta che in oltrepò pavese. La barbera in lombardia meno acida e tannini più delicati di quella piemontese. Altri vitigni soltivati rossi: nebbiolo, lambrusco, groppello.

I vitigni bianchi invece sono chardonnay soprattutto in Franciacorta, pinot grigio e trebbiano di Soave (lugana)

Le zone vitivinicole

Oltrepo Pavese

Tra Emilia romagna e Piemonte, zone di colline appenniniche dove vengono prodotti vini bianchi e rossi, frizzanti e non, metodo classico e martinotti. Il vino simbolo è la Bonarda a base di croatina (vivace, frutta a bacca rossa di bosco, fragole, lampone, ciliegia, ideale con salumi). Altri conosciuti il Sangue di Giuda e Buttafuoco, vino frizzante. Nell’Oltrepò pavese pinot nero si unisce con chardonnay e pinot bianco per regalare dei metodo classico interessanti. Una particolarità è il Cruasé (cru+rosé) dato dalla macerazione a contatto delle bucce.

DOCG: Oltrepò Pavese Metodo Classico

Valtellina

In Valtellina, visti i pendii si può parlare di viticoltura eroica, il vitigno più diffuso è il nebbiolo, qui conosciuto come Chiavennasca soggetto a escursioni termiche notevoli soprattutto in estate. Nella zona della Valtellina sono rpesenti sottozone (Grumello, Inferno…)

DOCG: Valtellina Superiore, Sfursat della Valtellina

Franciacorta

La Franciacorta si estende nella provincia di Brescia in 19 comuni che godono dei venti he vengono dai laghi e non permettono la formazione di nebbia e quindi umidità. In Franciacorta i vitigni più coltivati sono lo Chardonnay 80%, Pinot nero 15%, e Pinot bianco 5% (non usato in purezza). Per diventare Riserva 60 mesi.

Una particolarità è il Satèn, prodotto esclusivamente da uve di bacca bianca, risultando così un vino morbido, cremoso dovuto ad una minore concentrazione di anidride carbonica (5 atmosfere contro le 6-6,5 degli altri vini)

DOCG: Franciacorta

Garda Bresciano

Questa zona si estenda dal Garda ai colli Mantovani, i vini più conosciuti sono il Garda chiaretto, il Groppello e il Lugana DOC, da uve di trebbiano di Soave, floreale, fruttato, fresco, sapido e retrogusto di mandorla.

DOCG: Moscato di Scanzo

Mantovano

In questo territorio attraversato dal fiume Mincio il vitigno più diffuso è senza dubbio il Lambrusco viadenese che si è adattato bene ai terreni fertili e profondi di pianura.

Gastronomia

Panettone, Risotto alla milanese, spiedo bresciano, ossobuco alla gremolada

Cantine del territorio

Vini degustati

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *