Il sito web di un' azienda vinicola 1
Marketing del vino

Il sito web di un’ azienda vinicola

Il sito internet rappresenta il punto centrale di ogni strategia digitale per le aziende vinicole come di ogni altra azienda, è l’hub da cui le varie azioni partono e convergono. E’ importante che il sito sia inserito in una strategia più ampia che riguarda tutte le azioni omnicanale siano esse online che offline. Ho elencato sotto alcune delle sezione ed aree che ritengo siano importanti essere presenti in un sito di una cantina che deve essere un repository di contenuti che stimolino azioni ed interessi negli utenti.

Chi siamo

L’utente è sempre più informato e se atterra su un sito web e cerca informazioni su una cantina vuole essere informato sul mondo che sta dietro quella bottiglia, è importante quindi raccontare, la famiglia, la filosofia che guida la cantina, sia essa a carattere familiare sia essa un importante azienda vinicola. Ben vengano quindi storie di vita quotidiana, foto che rappresentano il lavoro, la passione, la fatica e ciò che lega al vigneto.

Il sito web di un' azienda vinicola 2
www.bellaveder.it

I vigneti

Raccontare la storia di un vino significa raccontare le sue origini, da dove proviene, raccontarne il terroir: i vigneti, i vitigni, il terreno, il clima..gli elementi che rendono unico un vino rispetto ad un altro.

Il sito web di un' azienda vinicola 3
http://www.debacco.it

La cantina

La cantina è una delle location dove avviene il processo produttivo, è importante quindi sia spiegare, ma soprattutto vedere con foto e video l’interno della cantina. In questa sezione si possono spiegare visivamente sia i serbatoi in acciaio sia la barricaia che rappresentano il processo produttivo, ma anche l’ambiente in cui avvengono questi processi, i primi che mi vengono in mente sono la grotta dello spumante di Pisoni vini, La Barricaia di Villa Corniole scavata nella roccia della Valle di Cembra o l’ordine che ho trovato da Bellaveder.

I vini

I vini sono il punto focale del vino, e spesso una delle landing page di accesso con il numero più elevato di visite, non aspettiamoci che gli utenti entrino tutti dalla homepage. Proviamo ad immaginare i vari journey che potrebbe fare l’utente a) Antonio è in vinoteca ed ha in mano una bottiglia di vino e sta pensando se potrebbe essere quella giusta o meno per la serata romantica che ha in mente…piacerà alla sua nuova compagna? cerca su google il nome esatto del prodotto nel caso non vi sia il responsabile dell’enoteca a poterlo consigliare e dal listato che gli appare

Il sito web di un' azienda vinicola 4

Ecommerce

Connesso al tema dei prodotti è il tema della distribuzione. Dove posso trovare il prodotto? A meno che non sia prodotto da GDO molto diffuso la vedo difficile che tutto sia trovabile ovunque. Faccio due esempi, investo in un influencer, se si riesce a superare il primo step che l’utente si riesce a ricordare di cosa si è parlato nella stories IG per esempio, che fa? cerca dove poter acquisitore il prodotto, magari iniziando la ricerca da google e casualmente capita nella mia pagina prodotto. Ok e dopo? fine del percorso se non ho un e commerce diretto o indiretto che sia, esce dalla pagina, ricomincia la ricerca più dettagliata e a quel punto posso averlo perso a vantaggio di un concorrente che è più trovabile e consegna direttamente a casa. Lo stesso se non si lavora con le enoteche, se io entro e chiedo un Franz Haas Pinot Nero 2016, e il commesso dell’enoteca non ce l’ha a meno che io non sia un intenditore convinto, ho il sospetto di venire dirottato in un altra soluzione soprattutto perché si ritiene che chi serve vino ne sappia di più e possa consigliare. E ‘importante quindi non far fermare il percorso dell’utente nel suo Journey (percorso di acquisto), o andrà a bussare ad un’altra porta.

Contatti e Dove siamo

Contatti e dove siamo sono delle informazioni molto utili per gli utenti che cercano una determinata cantina, vogliono infatti sapere come raggiungere la cantina, possibilmente con la mappa di google, che è familiare e consente di effettuare la ricerca su più device (telefono, pc, navigatori, android auto, apple car..). Allo stesso modo è utile dare agli utenti più possibilità di contatto, tramite un form, telefono, email evidenziando gli orari di apertura. E’ importante poi tenerli aggiornati, non di rado capita di trovare dati di orario diversi tra sito web, google e facebook. Quindi sempre attenzione buttarsi in tutti i touchpoint social senza la possibilità di risorse o temporale di monitorarli ed aggiornarli.

Il sito web di un' azienda vinicola 5
https://www.kellerei-kurtatsch.it/

Ospitalità

Negli ultimi anni si è parlato molto del concetto di Experience, di wine experience, di esperienza come veicolo per rendere memorabile brand e vini in un visitatore che, visitando la cantina e più propenso poi ad acquistare oltre che ad usarla come valuta sociale. E’ giusto renderla evidente sin dalla prima pagina la possibilità di effettuare esperienze in loco, siano esse esperienze di degustazione o anche di soggiorno. Le esperienze andrebbero tematizzate, non tutti i visitatori potrebbero “reggere” una degustazione in toto, e creando già dei pacchetti prima è possibile stimare il tempo previsto. Da evidenziare il tempo stimato, molti visitatori nello stesso pomeriggio vorrebbero fare più esperienze, anche non solo enologiche e si devono organizzare. Scrivere i prezzi, il numero minimo di partecipanti (io ho difficoltà a partecipare a degustazioni perchè giro spesso da solo, eppure sono disposto a pagare di più per singola partecipazione)

Il sito web di un' azienda vinicola 6
http://www.pisonivini.it/

Blog

Il blog odi et amo, è un tema dolente, ma che da soddisfazioni, come scrivevo poco sopra, non serve aprire un blog o una sezione notizie per dire che è presente se non è previsto una persone e risorse per poterla riempire di contenuti, perché senza contenuti non ha valore, anzi potrebbe insospettire l’utente se l’ultima notizia risale al 2015… Ma il blog può dare anche molte soddisfazioni se curato bene, sia in termini di percezione da parte dell’utente sia per farsi trovare ed aumentare il trust, ovvero la fiducia dell’utente nei confronti della cantina. Un blog curato serve per poter dare informazioni utili, gli utente sono curiosi, assetati di conoscenza. Un bell’esempio è quello di Fiegl vini di Oslavia, in cui vi è un blog, che tratta temi che vanno da vigna, a ecommerce a ricette (dovrebbe forse avere i contenuti un pò più organizzati secondo me), ma quello che mi piace è lo stile. E’ uno stile vero, è il vignaiolo che parla, sembra di essere la davanti ad un bicchiere di Leopold, e lo stesso avviene nelle newsletter che mantengono lo steso stile. Mi piace.

Il sito web di un' azienda vinicola 7
https://www.fieglvini.com/

Creare contenuti di valore può essere utile anche per essere trovati sui motori di ricerca, ma ovviamente questi devono essere di valore, per esempio la ricetta aiuta sia a mantenere un rapporto con l’utente, lo aiuta a capire gli abbinamenti e aiuta far posizionare il brand per una determinata ricerca su google che, non dimentichiamolo è un bisogno da soddisfare.

Il sito web di un' azienda vinicola 8

Newsletter

La newsletter, nonè affatto morta come potrebbe suggerire qualche consulente per spostare i budget su social per esempio, la newsletter arriva, viene aperta, può avere molteplici scopi, può essere informativa, può essere una DEM commerciale, oppure un trigger, ( un email che viene automaticamente inviata ad un determinata azione: un evento azione o un evento temporale). Perché è così importante? perché è parte del patrimonio dell’azienda, così come i vini, i clienti sono patrimonio dell’azienda, ovviamente devono essere raccolti secondo GDPR e utilizzabili, ma possono dare molte soddisfazioni se targhetizzate. Se mi sono iscritto e regolarmente ho info che mi arrivano dal brand su eventi, iniziative, serate degustazioni, promozioni, io continuo a mantenere un legame con la cantina nel corso del tempo tra un ciclo di acquisto e l’altro.

Il sito web di un' azienda vinicola 9
http://www.pisonivini.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *